Tipi di sclerosi multipla

Tempo di lettura 8 min

La maggior parte delle persone affette da sclerosi multipla (SM) (circa l’85%) riceve una diagnosi di sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR), ma ci sono altri tipi di sclerosi multipla di cui forse hai sentito parlare. Al 10% delle persone affette dalla patologia, viene diagnosticata quella di tipo primariamente progressiva (SMPP).

Se la sclerosi multipla recidivante remittente non viene trattata, il 50-60% delle persone può progredire verso la sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP).
Infine, ad alcune persone affette da SM viene detto che il loro tipo di malattia è chiamato sclerosi multipla benigna.
Il tipo di sclerosi multipla da cui sei affetto può influenzare la frequenza con cui manifesti i sintomi, nonché quando e come si sviluppa l’invalidità.
Inoltre, a seconda del tipo di sclerosi multipla, cambiano le opzioni a tua disposizione per gestire la malattia.

Qui di seguito è riportata una panoramica di ciascuno dei tre diversi tipi.

Approfondimenti sui tipi di sclerosi multipla

Sclerosi multipla benigna

La SM benigna è una forma di sclerosi multipla nella quale, anche diversi anni dopo la diagnosi, le persone tendono ad avere bassi livelli di disabilità.
I sintomi della sclerosi multipla benigna sono spesso sintomi sensitivi o visivi: possono verificarsi formicolii o si può verificare neurite ottica.
Non è facile stabilire con esattezza il numero di persone con questa forma di sclerosi multipla, ma si potrebbe dire che all’incirca il 20% delle forme di SM con diagnosi clinica siano benigne.

Sindrome clinicamente isolata (CIS)

La sindrome clinicamente isolata è in inglese identificabile con l’acronimo CIS (Clinically Isolated Syndrome). La caratteristica principale della CIS è il verificarsi di un segno o un sintomo, ovvero un episodio neurologico, di durata almeno di 24 ore. Questo episodio è generalmente dovuto a un processo di demielinizzazione del SNC.

Sindrome Radiologicamente Isolata (RIS)

In questo caso, l’acronimo inglese RIS sta per Radiologically Isolated Syndrome.
La RIS non è esattamente considerata un decorso della SM. Generalmente, la RIS è interessata dalla classificazione di casi con anomalie dell’encefalo o midollo spinale alla RM. Questi casi erano coerenti con lesioni della SM (non spiegati da un’altra diagnosi) o sintomi neurologici o anomalie riscontrate all’esame neurologico. I casi classificati come RIS spesso sono soggetti che in seguito a sintomi di vario genere (es. mal di testa) hanno eseguito una RM. Attualmente non sono disponibili linee guida di trattamento specifiche per la RIS; sicuramente saranno necessari ulteriori studi per chiarire se e come chi presenta una RIS possa sviluppare successivamente la SM.

SM recidivante-remittente (SMRR)

La SMRR è caratterizzata da periodi in cui i sintomi sono evidenti (recidiva), seguiti da periodi in cui i sintomi scompaiono o migliorano (remissione).
Circa l’85% delle persone con SM riceve una diagnosi di sclerosi multipla recidivante-remittente.

Che cos’è la sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR)?

Quando si è affetti da sclerosi multipla (SM), il sistema immunitario attacca erroneamente parti del sistema nervoso centrale, in particolare il rivestimento (chiamato mielina) intorno ai nervi.
Sorprendentemente, però, il corpo è in grado di riparare alcuni dei danni a carico della mielina con un processo chiamato rimielinizzazione. Tuttavia, la mielina riparata non è equivalente a quella prima del danno, pertanto i messaggi potrebbero non viaggiare lungo i nervi alla stessa velocità con cui viaggiavano prima. Dai un’occhiata al diagramma qui sotto per vedere come la mielina danneggiata compromette i segnali che viaggiano lungo i nervi:

È questo danno a provocare i sintomi della sclerosi multipla che potresti manifestare. Puoi trovare degli esempi qui. Questi periodi di danno possono portare a una recidiva dei sintomi della sclerosi multipla, che sono quindi seguiti da periodi di remissione a causa dei processi di riparazione dell’organismo. È a causa di tali periodi di recidive e remissioni che questo tipo di SM è chiamata sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR). I sintomi in questione possono essere reversibili oppure diventare permanenti col progredire della malattia. Nel tempo, il danno può accumularsi e il cervello potrebbe incontrare difficoltà sempre maggiori nel tentativo di ripararlo. Con la possibilità che i sintomi diventino permanenti. La sclerosi multipla recidivante-remittente può progredire verso un tipo di SM chiamato sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP), soprattutto se non trattata.

SM secondariamente progressiva (SMSP)

Alcune persone affette da SMRR progrediscono verso la SMSP, in cui non manifestano recidive ma potrebbero notare un graduale peggioramento della loro disabilità nel tempo.

Che cos’è la sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP)?

La maggior parte delle persone affette da sclerosi multipla (SM) riceve una diagnosi di sclerosi multipla secondariamente progressiva. In tal caso alcuni pazienti riscontrano una diminuzione del manifestarsi delle recidive, ma un aumento graduale della propria invalidità (recidiva). Questo tipo di SM, che segue una fase iniziale di sclerosi multipla recidivante-remittente, è noto come sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP).

Le persone con SMSP possono ancora manifestare una recidiva occasionale, ma nella maggior parte dei casi ciò non avviene. Anche se l’invalidità tende ad aumentare gradualmente in persone affette da sclerosi multipla secondariamente progressiva, tuttavia, non esiste una regola universale per ogni caso.

SM primariamente progressiva (SMPP)

Circa il 10% delle persone riceve una diagnosi di SMPP. Le persone affette da SMPP non manifestano recidive ma notano un graduale peggioramento della loro disabilità nel tempo.

Che cos’è la sclerosi multipla primariamente progressiva (SMPP)?

Al 10% circa delle persone affette da sclerosi multipla (SM) viene diagnosticata una forma patologica in cui l’invalidità aumenta fin dall’inizio. In questo caso si parla di sclerosi multipla primariamente progressiva (o, meno comunemente, sclerosi multipla progressiva cronica).

Le esperienze delle persone affette da SMPP possono variare in misura notevole. Alcuni pazienti possono manifestare un aumento continuo dell’invalidità, ma la velocità con cui ciò avviene può essere diversa. Alcuni manifestano un peggioramento dei sintomi più graduale, mentre altri riscontrano che i propri sintomi smettono di peggiorare per lunghi periodi di tempo. Indipendentemente dal tipo di sclerosi multipla di cui soffri, essa può avere effetti sulla tua vita quotidiana. Dai uno sguardo alla sezione sulla vita quotidiana per conoscere alcuni suggerimenti e consigli utili.

Vi sono alcune persone che manifestano una forma di sclerosi multipla progressiva sin dalla loro diagnosi ma, occasionalmente, presentano anche una recidiva. Questo tipo di sclerosi multipla è talvolta chiamato sclerosi multipla recidivante-progressiva. Se soffri di SMPP e desideri conoscere quali sono le caratteristiche specifiche e le opzioni di cura, è una buona idea parlarne con il tuo medico.

    •  Giovannoni G et al. 2017. Brain health: time matters in multiple sclerosis. Disponibile alla pagina: HYPERLINK “http://www.msbrainhealth.org/report”www.msbrainhealth.org/report. Ultimo accesso: ottobre 2017.
    • Sclerosi multipla: malattia o spettro di malattie? Fenotipizzazione del paziente, marcatori prognostici e potenzialità delle nuove terapie in SM. Disponibile alla pagina: https://www.smilejournal.it/media/approfondimenti/2018-2/Modulo3-F.Vitetta.pdf . Ultimo accesso: marzo 2022.

Condividi:

Se hai bisogno di chiarire qualche termine puoi consultare la nostra sezione GLOSSARIO, ricca di tante parole che ti aiuteranno a comprendere meglio la patologia.


Sono in Movimento è un progetto di Sanofi dedicato alle persone con Sclerosi Multipla e ai loro caregiver.
Sono in Movimento è conoscere la patologia e i consigli per migliorare la qualità della propria vita.

CODICE MAT-IT-2201635